10 cose che accadono quando ti abitui a stare solo.

🔮 Scarica la nostra App 🔮

Ogni giorno l'oroscopo personalizzato per il tuo segno zodiacale, tanti articoli e curiosità. Disponibile sia per Iphone che per Android.

© Eneida Nieves
© Eneida Nieves

1. Ti senti a tuo agio. Se la solitudine era la tua più grande paura, non lo è più. È come se avessi superato una delle tue più grandi paure e la caduta non fosse così grave, quindi continui a cadere perché ti sei abituato al dolore. Non lo senti più. La solitudine è quell’autunno, all’inizio fa male ma più ci si abitua, meno fa male. Diventa una cosa naturale per te.

2. Non cerchi altre persone. Quando ti senti a tuo agio con la solitudine, non hai l’impulso di combatterla. Non ti viene voglia di fare qualcosa al riguardo perché non ti senti così male. Quindi non fai molti sforzi per cercare nuove relazioni o amicizie. Aspetti che ti arrivi perché non sai come uscire dalla tua solitudine a meno che qualcuno non ti mostri la strada.

3. Costruisci una relazione con te stesso. Letteralmente, come se potessi anche lasciarti note motivazionali, lavorare sulle tue capacità comunicative, abbracciare i tuoi difetti e cercare di capirti. Sembra che tu stia facendo lo sforzo per due da solo e in qualche modo ha senso per te. In qualche modo non è più strano.

4. Non t’importa di ciò che pensa la gente. Hai smesso di preoccuparti se le persone ti prendono in giro quando mangi da solo o vai al cinema da solo. Hai smesso di preoccuparti di ciò che la gente potrebbe pensare quando porti da solo 10 buste della spesa o prendi un drink al bar da solo. Una volta abbracciata la tua solitudine, nessuno può farti sentire male al riguardo.

5. Ti dimentichi cosa si prova a far parte di una squadra. Non ricordi l’ultima volta che qualcuno si è offerto di aiutarti con qualcosa o venirti a prendere all’aeroporto o aiutarti a cambiare le gomme. Dimentichi come coesistere perché hai fatto tutto da solo e hai trovato conforto perché chiedere aiuto alla gente, in qualche modo ti ha deluso.

6. Ti conoscerai meglio. Non sarai davvero compromesso per nessuno o tenterai di costruirti la vita intorno a qualcun altro. Sarai veramente il padrone delle tue decisioni e dovrai scavare più a fondo e fare molta auto-riflessione e ricerca dell’anima per sapere che tipo di vita vuoi veramente e che tipo di persona vuoi davvero essere.

7. Eviti il ​​dolore. Quando ti abitui a stare da solo, non provi a riempire il vuoto con finte storie d’amore o relazioni vuote perché lo stai già riempendo con altre attività. Quindi non corri davvero il rischio di spezzarti il ​​cuore stabilendoti o stando con qualcuno che non è giusto per te solo perché non vuoi essere solo.

8. Impari ad amarla. A volte la odi davvero e sembra un inferno, ma quando impari ad abbracciarla e vedere quanto ti ha aiutato a crescere e dipendere da te stesso, inizi a vedere i tesori nascosti in essa. Inizi a capire la bellezza della solitudine e l’importanza di goderti la tua compagnia anche se ti spaventa.

9. Impari a lasciarti andare. Quando la vita ti costringe a non attaccarti a nessuno, impari a lasciarti andare e a lasciar andare le cose perché ricordi i giorni in cui hai combattuto per uscire dalla solitudine e come si è ritorto contro. Hai smesso di provare a controllare il tuo destino. Forse Dio vuole che tu sia solo per un motivo che non conosci ancora, ma in entrambi i casi, imparare a lasciarti andare è probabilmente uno dei migliori favori che puoi fare per te stesso.

10. Aumenti la tua autostima. Non cerchi conferma da nessuno, non associ la solitudine a “indesiderato” o “non amato”. Inizi a credere che questo è esattamente ciò di cui hai bisogno in questo momento e se ciò dovesse mai cambiare, saprai che stai prendendo una decisione per tutte le giuste ragioni e che puoi sempre vivere da solo e goderti la solitudine senza essere infelice.