5 ragioni per cui la gente tenta il suicidio.

Jessica F

5 ragioni per cui la gente tenta il suicidio.

1. La percezione di essere un peso e depressione.
La percezione della gravosità è la sensazione di essere un peso per gli altri e pone le persone già vulnerabili a un rischio ancora più alto di suicidio. Depressione e disturbi dell’umore sono uno dei fattori di rischio numero uno per il suicidio, e possono distorcere la percezione della realtà, portando ad un senso amplificato di percezione della gravosità.

Ciò che la gente non capisce è che le persone che tentano il suicidio non agiscono per egoismo – al contrario, sentono che il mondo starebbe meglio senza di loro. Potrebbero essere alle prese con depressione estrema, sentimenti di isolamento, effetti di traumi o abusi complessi, problemi di salute mentale, inutilità, vergogna e un forte desiderio di porre fine al dolore che sentono. Ecco perché non dovresti mai giudicare qualcuno che tenta il suicidio come “egoista”, specialmente se non hai idea di cosa abbia passato o di quello che sta attraversando.

Cosa fare: Non dire loro che sono egoisti, oppure dire “Ma hai così tante cose per cui vivere!” O “Come potresti mai pensare in questo modo?” Sì, hanno molto da vivere, ma la verità è, le persone che tentano il suicidio non sono nello stato d’animo di sentirsi in quel modo e questo può sembrare invalidante. Invalidità e giudizio possono far sì che questa persona si ritiri ulteriormente, si senta più un peso per i propri cari e si vergogni dei propri sentimenti.

Piuttosto, fai sapere loro che sei lì per loro se ne avranno bisogno. Digli che ti importa e amali. Fateli sentire come se fossero importanti e che il loro recupero sia importante. Suggerisci risorse utili e controllate se ne hanno bisogno. Trascorri del tempo con loro e creati del tempo per loro. Nota ciò che più ami di loro. La chiave è ricordare loro che la loro esistenza è preziosa e ha un impatto positivo, senza indulgere incolparli o farli vergognare per le loro emozioni autentiche.

2. Il loro dolore supera il loro senso di speranza.
Ci sono molte ragioni e fattori complessi che fanno arrivare ad un tentativo di suicidio, ma forse il modo più semplice per spiegarlo è che la percezione del dolore da parte dell’individuo supera ogni speranza che possano avere per il futuro.

Sì, andrà meglio e c’è un supporto là fuori – ma questo non significa necessariamente che la persona in questione si senta in quel modo. La realtà in cui potrebbero vivere potrebbe essere molto diversa dal modo in cui percepisci la loro vita dall’esterno.

È facile, per esempio, guardare una persona di successo, apparentemente estroversa e felice e pensare che stia bene. Ma sinceramente non abbiamo idea di cosa passano le persone – che siano affette da depressione, solitudine acuta, ansia o un altro problema di salute mentale che potrebbe influenzare il loro funzionamento quotidiano. Finché non sei stato nei panni di un suicida, può essere difficile discernere quanto possa essere straziante il loro dolore.

Cosa fare: sii un ascoltatore solidale e offri incoraggiamento da una posizione non giudicante. Evita di dire cose critiche come “Non mi ucciderei mai per qualcosa del genere” o “È un piccolo problema” se ti confidano qualcosa di doloroso. Questo è il loro dolore e non hai il diritto di invalidarlo.

Ciò che è doloroso per una persona potrebbe non essere così doloroso per un altro, ma ciò può essere dovuto a una serie di fattori come la presenza di una storia traumatica, una storia di depressione o differenze di personalità.

Trova dei modi per ricordare loro quanto sono amati. Fai sapere loro quanto sono importanti per te. Se non capisci il loro dolore, va bene dire: “Non sono te, quindi non ho idea di quanto sia terribile. Mi dispiace tanto che stai provando così tanto dolore. Io sono qui per te. Cosa pensi ti possa aiutare di più oggi? ”

3. Un trauma passato o traumi complessi.
Uno dei fattori che raramente vedo menzionato nel dialogo sulla prevenzione del suicidio è la presenza di una storia traumatica complessa. Eppure la ricerca ci ha detto che coloro che hanno quattro o più esperienze infantili avverse hanno una probabilità di suicidio dodici volte superiore. Il trauma della prima infanzia può letteralmente riconnettere il cervello, rendendolo più vulnerabile allo stress e al dolore nell’età adulta. Quando un trauma è stratificato su molti altri traumi, può far sì che la persona in questione si senta come se il dolore non finisse mai. Quando uno soffre dei sintomi di PTSD o PTSD complesso, l’ideazione suicida può entrare abbastanza facilmente nell’immagine.

Quando qualcuno è stato terrorizzato più e più volte, può portare a un senso di impotenza appresa in cui la persona si sente incapace di sfuggire alle proprie circostanze avverse. Sapendo questo, le persone dovrebbero rendersi conto che non possono giudicare egoista

il tentativo di suicidio di qualcuno. Non hai idea di cosa abbiano attraversato e non sai quali fattori in seguito hanno esacerbato i traumi che hanno vissuto.

Cosa fare: Offri loro lo spazio per condividere la loro storia, solo se lo desiderano, e fagli sapere che sei sempre lì per ascoltare se si sentono a loro agio nel farlo. Fai sapere loro che sei lì per loro, non importa come. Accetta eventuali circostanze avverse che potrebbero aver attraversato di cui potresti essere a conoscenza. Cerca gli effetti del trauma in modo che tu sia dotato di una migliore comprensione del perché una persona con un trauma di fondo possa sentirsi in questo modo. Questo ti aiuterà ad avere compassione senza giudizio.

4. Una storia di abusi
Mentre questo fattore è inestricabilmente connesso a “una storia di trauma”, ha bisogno di essere enfatizzato. La ricerca ha dimostrato che i sopravvissuti alla violenza domestica sono a più alto rischio di suicidio, con il 23% dei sopravvissuti alla violenza domestica che hanno tentato il suicidio. Ciò include non solo l’abuso fisico ma anche l’abuso emotivo e verbale. Il tragico suicidio di Jessica Haban ha illustrato i modi in cui la violenza domestica potrebbe prendere la vita di una persona, lasciando tutte le mani dell’abuso pulite.

Cosa fare: Se si sospetta che qualcuno possa essere vittima di abusi e sia un suicida, bisognerebbe astenersi dal giudizio su entrambi i fronti. I sopravvissuti agli abusi già combattono con profondi sentimenti di vergogna dovuti a stigmi e stereotipi imposti dalla nostra società. Ancora una volta, non abbiamo idea di cosa succede dietro le porte chiuse della vita di un’altra persona. Qualcuno potrebbe essere sopravvissuto ad abusi e potresti anche non saperlo.

Ricorda che i violentatori manipolano, costringono, minacciano, perseguitano e molestano le loro vittime anche dopo che la relazione è finita, quindi non è sempre facile andarsene. Se qualcuno ti rivela che sono in una relazione violenta e che si sentono senza speranza, è importante essere convalidanti e comprensivi.

Fai sapere loro che quell’aiuto e il supporto sono là fuori se ne hanno bisogno, e che anche se può essere difficile, possono creare una vita migliore per se stessi senza il loro aggressore. Non cercare di metterli sotto pressione se non sono pronti, piuttosto, fornisci loro risorse per la loro sicurezza e sottolinea che non sono soli in questo.

5. Lottano contro una dipendenza.
La dipendenza può essere un killer silenzioso ed è un’altra delle principali cause di suicidio. Non solo l’abuso di sostanze aumenta la probabilità che qualcuno tenti di suicidarsi, ma potrebbe anche essere usato come parte del tentativo. Quando le persone sono sotto l’influenza di droghe e alcol, le loro inibizioni possono essere abbassate, i loro impulsi possono condurre lo spettacolo e qualsiasi condizione di salute mentale esistente può anche essere esacerbata.

Cosa fare: Come gli altri fattori citati, è lo stigma che impedisce alle persone di ottenere aiuto. Impara i segni della dipendenza. Se conosci qualcuno che ha problemi di dipendenza, sii consapevole del fatto che potrebbero soffrire in modi che potresti non sapere.

Sebbene tu non possa guarire la dipendenza per loro o assumere la responsabilità, puoi incoraggiarli a ricevere aiuto e aiutarli a ricordare che sono assolutamente degni di ricevere cure di qualità. Trova attività salutari e sobrie che puoi fare insieme e concentrarti sull’autosufficienza. Ricorda loro che sei qui per loro e che sostieni il loro impegno per il trattamento e il recupero.

Se hai tentato il suicidio o pensi di farlo, sappi che non sei solo, ci sono persone la fuori che capiscono e sono pronte ad aiutare. La tua vita conta. Tu conti.

Oroscopo del giorno

Scarica gratis la nostra app, ogni giorno novità sul tuo segno zodiacale, senza pubblicità invasiva.