“Caro Dio, grazie”.

🔮 Scarica la nostra App 🔮

Ogni giorno l'oroscopo personalizzato per il tuo segno zodiacale, tanti articoli e curiosità. Disponibile sia per Iphone che per Android.

© Grace Chung

Grazie per questo cuore. Per questo piccolo muscolo che batte nel petto. Grazie per la sua capacità di recupero, per la sua forza. Grazie per averlo aiutato a battere, attraverso ogni batosta ricevuta, attraverso ogni scena terrificante in un film spaventoso, attraverso ogni bacio, attraverso ogni mattina quando ero così stanco e non volevo affrontare il mondo. Grazie per avermi dato la forza fisica: superare gli ostacoli e non smettere mai di provarci. Grazie per la mia forza emotiva: far entrare le persone, perdonare, condividere l’amore con gli altri. A volte dimentico quanto sia fantastico questo muscolo, portando ossigeno nel mio corpo, tenendomi in vita, ricordandomi che anche nella mia umanità, sono potente. Aiutandomi ad amare. Quindi grazie.

Grazie per le mie mani. Mani da toccare, da tenere, da abbracciare, da amare. Grazie per le volte in cui i miei genitori mi hanno tenuto le mani nelle loro, per le volte in cui ho potuto spazzolare i capelli di mia sorella, o lanciare una palla o raggiungere uno spazio tranquillo e posizionare un palmo sulla guancia di una persona che amo. Grazie per il modo in cui le mie mani sono guarite, per i modi in cui le mie mani hanno imparato, per i modi in cui le mie mani si sono connesse con altre mani e mi hanno fatto vedere la bellezza nell’imperfezione.

Grazie per l’amore. Per la capacità di sentire, di aprire, di dare. Per i modi in cui mi hai mostrato amore e mi hai dato amore dalle persone intorno a me. Grazie per la mia famiglia, i miei amici, i miei colleghi, per gli estranei, per gli amanti. Grazie per le volte in cui hai mostrato al mio cuore cosa si prova ad essere curato. Grazie per avermi insegnato a dedicarmi completamente agli altri.

Grazie per il dolore. Grazie per tutte le notti in cui le mie lacrime si sono mescolate con l’acqua della doccia, le notti in cui non pensavo di superarlo o quando mi sentivo così frainteso. Grazie per i giorni in cui avevo paura del mio futuro, terrorizzato da dove sarei andato all’università, o se avrei fatto bene un test, o se le mie parole potessero davvero significare qualcosa. Grazie per il cuore spezzato, per le lezioni difficili, per l’esaurimento e la rottura. Perché ho imparato che sono intero.

Grazie per le notti solitarie. Le notti fino a tardi, guardando i fari danzare  dalla finestra della mia camera da letto o le stelle che tremolavano da qualche parte in lontananza. Grazie per avermi mostrato come guarire e come essere da solo. Grazie per avermi rafforzato, giorno dopo giorno, anche quando sentivo che mi stavo solo indebolendo. Grazie per avermi ricordato che il vuoto è temporaneo e che posso sempre essere colmato dal tuo amore.

Grazie per quelli che sono partiti. La loro partenza sembrava un tradimento e pensavo che mi avessi voltato le spalle. Ma mi hai mostrato chi era temporaneo e chi era lì per restare. Mi stavi dimostrando che non posso confidare nelle persone peccaminose, non posso dipendere da loro per la fonte della mia felicità, ma posso invece appoggiarmi a te. E non te ne andrai. Grazie per non avermi mai lasciato, promettendo di stare al mio fianco per sempre.

Grazie per le preghiere senza risposta. Perché questa vita non consiste nel ricevere ciò che chiedo, non nel basare la mia relazione con te su ciò che ottengo, non sui desideri che vengono concessi e avere le cose a modo mio. Perché il tuo piano è più grande del mio. E ogni preghiera senza risposta era una benedizione sotto mentite spoglie.

Grazie per essere tutto ciò di cui avevo bisogno. Per ascoltare quando ho riversato il mio cuore, per guidarmi quando ho perso il piede, per essere una fonte di ispirazione e fiducia, per avermi ricordato che sono tuo, per sempre. E che sono amato. Grazie per rimanere quando il mondo mi ha voltato le spalle. Grazie per avermi ricordato che non importa quanto dura questa vita, sarai sempre qui. Grazie per aver lasciato morire tuo figlio per i miei peccati.

Grazie per il perdono. Per avermi perdonato, per avermi aiutato a perdonare, per il modo in cui il perdono guarisce e salva, e ci fa ricominciare con una nuova speranza. Grazie per riportare il mio cuore alla sua piena forza. Grazie per avermi mostrato quanto può essere bella la vita quando lasciamo andare. Grazie per le opportunità, per i nuovi inizi. Grazie per la speranza.