Ci sono cose di noi che è meglio che rimangano tra noi, le persone non sanno  comprendere cose che non le riguardano.

Oroscopo del giorno

Scarica gratis la nostra app, ogni giorno novità sul tuo segno zodiacale, senza pubblicità invasiva.

© Jesse Herzog

Ti sei mai sentita come se avessi il bisogno di toglierti qualcosa dal petto, avere l’ultima parola, o di dover dire la tua verità? Recentemente ho scritto un articolo come questo, aspettandomi che, una volta aver spiegato la mia versione della storia, mi sarei sentita meglio, ma qualcosa dentro di me mi stava impedendo di pubblicarlo.

Pensavo che se avessi proclamato le mie opinioni, spiegato le mie azioni, e fatto pace con tutti, avrei potuto pulire la mia “lavagna”, ma mi sono resa conto che mi ero approcciata alla mia angoscia dall’angolo sbagliato. Dovevo fare un passo indietro. Guardare tutta la situazione da un’altra prospettiva. Analizzare i miei motivi.

Perché ci sentiamo sempre come se ci dovessimo difendere? Perché questo è semplicemente ciò che facciamo quando usciamo dal nostro modo di vedere una questione, giusto? Difendiamo sempre noi stessi: la nostra persona, il nostro modo di pensare, costretti a provare il nostro punto di vista. Se avessi spinto “pubblica”, so che non sarebbe finita lì con un punto come avevo pianificato, ma con un’ellisse…. Aspettando una reazione. Mi sono resa conto che aspettare una risposta era come vanificare lo scopo della mia dichiarazione conclusiva e alla fine era come contribuire, ancora di più, al problema.

Se davvero vogliamo essere liberi dalle preoccupazioni, dobbiamo smettere di preoccuparci, smettere di aspettarci qualcosa in cambio. Non è compito di nessuno, in questo mondo, dover convincere il testardo o dare valore allo scettico. Le persone crederanno a quello a cui vogliono credere, molto spesso mentiranno a loro stessi usando verità convenienti per evitare di affrontare la dura realtà.

Ecco perché teniamo molto alla prima impressione che diamo. Non puoi mai cancellare la prima impressione che qualcuno si fa di te, e quando ci giudichiamo a vicenda, scrivendo (i nostri pensieri ed esperienze), fa molto più male che sentirsi dire di avere il rossetto sui denti. Pensiamo che avere l’ultima parola ci aiuti a riposare più facilmente sapendo di non aver tenuto dentro la nostra opinione, ma purtroppo non si tratta mai di essere la persona più matura o di sventolare la bandiera bianca per arrendersi di fronte alle persone che nella nostra vita ci innervosiscono. Per esperienza personale, so che c’è sempre un’altro motivo, che alla fine, non rende il peso che portiamo sulle spalle più leggero.

Dobbiamo essere sicuri del nostro punto di vista e di noi stessi quando decidiamo di condividere quello che per noi è importante, indipendentemente dal fatto che stiamo sussurrando i nostri segreti alla persona che amiamo o scrivendo loro una poesia, una storia o un articolo su internet. Ho deciso che non avevo bisogno di scrivere i miei sentimenti, alla fine, per provare qualcosa a qualcuno. Non volevo più essere la persona che aggiunge altra benzina al fuoco.

Non finiamo mai per pulire l’aria, piuttosto la inquiniamo con risentimento e rancore; sentire il bisogno di spiegare il nostro punto di vista e far “rispettare noi stessi”, non crea un ambiente di pace, ma un campo di battaglia per combattere le parole. Io non credo che bisogna preoccuparsi di cose che non si possono cambiare, a volte, le cose è semplicemente meglio non dirle.