Ecco cosa vuol dire essere una Bilancia.

🔮 Scarica la nostra App 🔮

Ogni giorno l'oroscopo personalizzato per il tuo segno zodiacale, tanti articoli e curiosità. Disponibile sia per Iphone che per Android.

© Garin chadwick
© Garin chadwick

Si dedica agli amici, prestando attenzione a tutti, saltando da una persona all’altra, assicurandosi che si sentano a proprio agio, che bevano, una conversazione a cui partecipare. La vedi camminare, dare il cibo, sorridere, ma guarda un po’ più da vicino e noterai che il suo corpo è diretto verso un punto, o meglio, una persona. Gli parlerà e tutti lo vedranno come un gesto amichevole. È naturale che lei vada a parlare con lui. Sono amiche, oltre il palcoscenico imbarazzante, lei è a suo agio con lui come lo è con gli altri. Così comodo, un piccolo tocco, un leggero pennello, “è così lei”, dicono.

Sono sensuali ne sono consapevoli. Ma quanto sensuali? Preferirebbero saperlo. Guarda i suoi occhi, storti, ma dolci. Guarda più da vicino, è insicura. Si rende conto di non essere la migliore, ma lo accetta. È la seconda scelta e questo la infastidisce. Ma la sua rabbia non rimane, non è il suo forte rimanere arrabbiata. Ma le piace arrabbiarsi, il sentimento è così forte che la rende espressiva ma nessuno lo vede.

Riesce a stare da sola, tutti lo sanno, ma lei dubita di se stessa. Non la conoscono come lei conosce se stessa. O forse lo fanno, non ne è nemmeno sicura. Vuole muoversi, vuole uscire, vuole vedere il mondo ed è in grado di farlo. È il suo destino. Ma lei è paralizzata, vedi. Lei ama troppo. Tutti intorno a lei, quelli che le dicono di uscire e ottenere ciò che dovrebbe essere sono le stesse persone che ha paura di lasciare per prenderli. Quanto ironica, pensa, alla fine uscirà? Sì, presto. Piccoli passi.

È fiduciosa e prepotente ma le piace così. E le sue amiche fanno bene a rinforzarlo. Ama la compagnia, le piace stare fuori, ma il suo costante bisogno di equilibrio la fa indugiare da sola nel parco locale, alla fine si ferma a leggere un libro o forse solo a sedersi e guardare la gente mentre passa.

Odia stare sola, ma apprezza il suo tempo quando lo è. Un caffè e un libro, alla fine la sua mente si allontana dal libro, dal bar. Non può farci niente, sogna ad occhi aperti. È più fantasiosa di quanto credano di poter essere. Non altrettanto creativo, ma quando riproduce un’immagine nella sua testa, è come un ricordo che sta cercando di ricordare. Ogni dettaglio, ogni movimento, ogni sentimento sembra così reale. Lo fa spesso e lo fa bene. È il suo dono e la sua maledizione, vedere qualcosa che sembra così reale, situazioni felici, cosa potrebbero essere, e quando ciò non accade, non si sente apprezzata, si sente persa.

Richiamala alla realtà e cercherà disperatamente che la sua realtà coincida con almeno un briciolo della sua fantasia. Tornando alla sua cerchia di amici, gli toccherà il braccio, lo guarderà negli occhi, gli sfiorerà il piede su e giù per il polpaccio. Si avvicinerà, fino a quando non gli farà venire voglia di baciarla notte e giorno.