Ecco le paranoie che ogni donna single si fa. Sicuramente sarà capitato a tutte voi senza accorgervene.

Quando si è single da più tempo di quanto non si sia desiderato è facile cadere vittime di paranoie e pensieri negativi: ecco quali però sono senza fondamento.

Essere single non è un problema, checché parenti e amiche che si sposano vi possano far credere. Certo, lo diventa se i pensieri negativi prendono il sopravvento, se diventano più grandi di voi o qualcosa dentro cui vi attorcigliate ogni giorno e ogni notte.

La verità però è che non dovreste essere tristi perché la tristezza è un cane che si morde la coda ed è come un rampicante difficile da estirpare: i pensieri negativi si automoltiplicano e ne portano sempre di nuovi.

Ecco in quali trappole non dovreste cadere, anche se avete la sensazione che ogni storia che toccate si trasformi in tragedia.

Ho dei problemi
«Ho evidentemente dei problemi»
Si tende a credere che se non si trova nessuno per lungo tempo si abbia per forza dei problemi, come una specie di malattia incurabile, una specie di sociopatia sedimentata negli anni.

A volte però credere di avere dei problemi serve solo a buttarsi giù e a perdere autostima, si finisce allora in loop infinito, un cane che si morde la coda. Forse dovreste smetterla di pensarvi malate di una malattia incurabile, oggi siete semplicemente single, e non è detto che questa non sia una fortuna, altro che malattia.

Ho un basso spirito di sopportazione
«Avrò un basso spirito di sopportazione»
A parte che spesso non è un difetto, e ok, forse non sapete tanto scendere a compromessi ma forse non avete mai neanche trovato la persona che si meritasse i vostri sacrifici.

Cercate di essere lucide e non troppo autocritiche, a volte vale la pena lottare e sopportare per la persona che volete al vostro fianco ma spesso al vostro fianco avete dei perfetti deficienti e per loro non vale veramente la pena fare nulla.

La mia relazione più lunga
«Le mie relazioni non superano i sei mesi»
La famosa maledizione dei sei mesi, conosci un ragazzo, credi sia quello giusto, ci investi, lo presenti a tutti i tuoi amici e poi all’inizio del quinto mese iniziano i guai ed entro trenta giorni lui vi ha già restituito le chiavi casa, voi avete riportato tutte le vostre cose da voi e siete diventati dei perfetti sconosciuti.

Succede, i difetti di una persona non vengono fuori subito e magari dopo alcuni mesi si scoprono cose che non vi vanno a genio. Vedi sopra, non bisogna sopportare tutto, soprattutto se lui non è quello giusto.

Mi faccio bella per chi?
«Alla fine mi faccio bella per chi?»
Eh no eh, non deve per forza servire qualcuno lì fuori per cui dovete farvi belle, non dovete smettere di depilarvi, di andare dal parrucchiere o di farvi la pedicure e non importa se è inverno e se nessuno vi toglie i pantaloni da mesi.

Vi capiterà di andare alle terme, di andare in piscina e anche se non lo fate dovete sempre prendervi cura di voi, dovete piacervi, guardarvi allo specchio la mattina e pensare che uscireste con voi stesse.

Morirò sola
«Morirò sola»
Non dovreste ingarbugliarvi in pensieri macabri e così tristi, non è detto che dobbiate per forza rimanere single per tutta la vostra vita, a meno che non lo vogliate voi.

Quando si passano tanti mesi da sola si tende a vedere tutto nero, dovreste divertirvi invece, è il vostro periodo di libertà e magari non ne avrete un altro presto. Uscite, ridete, divertitevi e non pensate solo a quello che non avete, vedrete che mentre non ci penserete più qualcuno vi metterà il guinzaglio.

Odio le persone felici
«Odio le persone felici»
Odiare gli esseri umani felici intorno a voi non vi aiuterà a essere più felici, non dovreste invidiare delle persone che conoscete, anche perché niente è come sembra e stare con qualcuno non porta a una felicità immediata, anzi.

Quindi smettetela di essere preoccupate a odiare chi ha la vita che vorreste avere voi, o che credete di volere, siate felici per gli altri, per le vostre amiche, per i vostri parenti e cercate di essere felici con quello che avete.

Quanti primi appuntamenti disastrosi
«Quanti appuntamenti disastrosi devo ancora sopportare?»
Gli appuntamenti disastrosi non sono poi così male, vi permettono di non annoiarvi, non è una scusa, pensate a quando non ne avrete più?

Prendetela sul ridere, pensate che i vostri appuntamenti non sono per forza così male, certo spesso sono avvilenti, a volte non portano da nessuna parte ma vi danno qualcosa da raccontare alla cene, no? È pur sempre qualcosa su cui riderete per anni con le vostre amiche.

Tornerò vergine
«Tornerò vergine»
Quando si è single si passano dei lunghi periodi in convento, i periodi in cui non resta che darsi alla castità. Capita, ci siamo passate tutte, come si risolvono?

Niente, semplicemente prima o poi passano, ci si comprano degli amici di plastica e si aspetta che qualcuno arrivi a togliervi le ragnatele.

Potete festeggiare un compleanno quando arriverete a un anno, l’importante è non drammatizzare, perché non serve a nulla.