Ecco perché gli uomini che piangono sono belli.

🔮 Scarica la nostra App 🔮

Ogni giorno l'oroscopo personalizzato per il tuo segno zodiacale, tanti articoli e curiosità. Disponibile sia per Iphone che per Android.

© pixabay.com

Indossa le tue lacrime come distintivi d’onore. Li hai guadagnati. Gli uomini sono socialmente scoraggiati dal piangere fin dalla tenera età, e questo è un problema. Come risultato della soppressione cronica delle emozioni degli uomini, abbiamo un tasso di suicidio drasticamente più elevato.

Naturalmente, ci sono altri fattori che portano le persone a togliersi la vita, ma vedo la soppressione emotiva come il componente che è la causa principale di una frana. Pensala in questo modo: le persone considerano seriamente il suicidio come un’opzione quando il loro dolore inizia a superare le loro risorse di coping.

E cosa provoca dolore? Il cumulo di emozioni negative immagazzinate. E perché gli uomini hanno spesso meno risorse per far fronte alle donne quando si tratta di condividere le proprie emozioni? Perché essere visto come emotivo è considerato meno accettabile per gli uomini.

Se gli uomini sapessero solo quanto era bello salutare quando piangevano, quell’energia emotiva repressa non avrebbe bisogno di rivendicare la vita che si fa ogni anno. Ho sentito uomini vantarsi di come non piangessero da anni, come se essere emotivamente stitico fosse in qualche modo un distintivo d’onore di cui vantarsi. Voltare le spalle al dolore è facile, ma ci vuole il massimo coraggio per appoggiarti al dolore e sentire i tuoi sentimenti.

Per un breve periodo, è facile far finta che il tuo dolore non sia lì a intorpidirti con il lavoro, il cibo o altre distrazioni compulsive. Il percorso più difficile è affrontare direttamente la tua paura. Ci sono alcuni ormoni dello stress che vengono rilasciati solo attraverso la sudorazione e il pianto. Quindi, certo, puoi indossare l’attrezzatura per l’allenamento e acquistare un pass per la palestra per muovere il cortisolo attraverso il tuo corpo, oppure puoi rinchiudere in te stesso per un minuto e piangere.

Una delle mie parabole preferite viene dall’autore John Bunyan, nel suo libro The Pilgrim’s Progress. In questo libro, il protagonista ha uno scudo magico. Questo scudo lo rende completamente invincibile fintanto che va direttamente verso i suoi avversari. Se li affronta in un angolo o li gira su di loro, allora lo scudo perde tutto il suo potere e viene immediatamente reso vulnerabile. La lezione: vai direttamente verso le tue paure. Se affronti le sfide frontalmente, sopravvivrai e diventerai più forte. Se affronti le sfide della tua vita con tutto il cuore, diventerai senza potere.

Appoggiati alla tua elaborazione emotiva. Ti è permesso piangere. Ti è permesso rilasciare il tuo vecchio dolore. Ti è permesso camminare attraverso i fuochi dell’alchimia per uscire più forte dall’altra parte.

 

Non sei un robot. Sei un animale umano di corpo morbido. Ti è permesso sentire. E più interiorizzi la realtà che le tue emozioni sono accettabili, necessarie e belle, più attirerai le persone nella tua vita che sono d’accordo con te e trattano le tue emozioni con un simile senso di riverenza.

Ehi, so che non è facile superare decenni di contro-condizionamento e soppressione emotiva, ma il mondo ha bisogno di te in tutta la tua gloria emotivamente espressa. Indossa le tue lacrime come distintivi d’onore. Li hai guadagnati.