Il nostro più grande patrimonio: i viaggi che facciamo e le persone che conosciamo.

Le persone che conosciamo, i viaggi che facciamo… sono il nostro più grande patrimonio. La nostra ricchezza.
Ero via la settimana scorsa, in vacanza, viaggiando con la mia famiglia. Era tempo di lasciarmi alle spalle la routine quotidiana, di essere me stessa senza dover mi preoccupare delle convenzioni sociali.

Abbiamo visitato musei e gallerie, provato nuovi sapori, attraversato ponti…
Siamo andati su e giù per colline e montagne, abbiamo contemplato tramonto, visitato la casa di un grande poeta.

Ma non c’è bisogno di andare molto lontano per scoprire che la vita può essere vissuta in modo più leggero, dolce e sensibile. Se siamo aperti e disponibili.
Ciò di cui abbiamo bisogno è imparare a percepire il mondo in modo diverso. Imparare a percepire noi stessi lontano da ciò che pensiamo sia essenziale e spesso invece non lo è.

Viaggiare può essere l’occasione per imparare a reagire positivamente all’inaspettato e scoprire che siamo in grado di reinventare i nostri piani usando creatività e coraggio.
Il primo giorno di viaggio attraverso il Cile, ho scoperto di aver prenotato l’hotel in modo sbagliato. Invece di sette notti, ne avevo prenotato solo una!

È stata un’opportunità per dimostrarmi creativo, per mantenere il buonumore e per cercare soluzioni senza ansia e timori.
Il viaggio è l’occasione per ricrearci in forme più semplici e senza compromessi, per scoprire che il nostro mondo può essere contenuto nello spazio di una valigia e che i nostri piedi sono molto più leggeri usando solo le infradito o calzini confortevoli.

Ci aggrappiamo al nostro mondo, alle nostre cose, ai nostri oggetti … come se ciò potesse definirci.
Avere una casa, una o due auto nel garage, un armadio pieno di vestiti e scarpe … è positivo e ci dà sicurezza, ma lasciando tutto questo dietro di noi e seguendo un nuovo percorso, possiamo sperimentare ciò che acuisce i nostri sensi e ci sensibilizza completamente.

Come quando ci entusiasmiamo per una nuova canzone, un tramonto abbagliante o un gusto che ci fa sospirare.
All’improvviso scopriamo che la vita può essere recitata come pura poesia.

Fuori dal rumore e dall’inquinamento delle strade, lontano dall’urgenza delle sveglie, lontano dagli stessi paesaggi e sapori … possiamo accogliere chi siamo veramente.
E percepiamo come bambini davanti al mondo.

Visitando la casa del poeta Pablo Neruda, immergendomi nella sua storia, ho guardato la mia esistenza con occhi di poesia, trasformando la mia vecchia visione in una nuova possibilità.

Forse il più grande patrimonio è questo:
Viaggiare, attraversare le frontiere del nostro particolare universo, scoprire ciò che ci spinge al punto di ritornare rinnovati.
È bello investire in un paio di belle scarpe, un nuovo vestito, una borsa diversa. Ma investire in un volo che ci porta verso nuovi orizzonti, dove possiamo rigenerarci e ricrearci per qualche tempo, è quello che dicono tutti: “È impagabile”.

Non ci sono soldi spesi meglio di quello che usiamo per viaggiare.
Permette ai nostri piedi di toccare un terreno sconosciuto e alla nostra pelle di sentire il freddo agghiacciante o un calore confortante.

Sfida la nostra percezione e istiga il nostro sguardo; nutre i nostri sensi e acuisce il nostro palato; ci offre percorsi dove cammineremo e che ci trasformeranno.
Viaggiate se potete. Progettate mappe, percorsi. Recatevi nei luoghi che avete visto solo nei vostri sogni e respirate profondamente nuova aria.

Eliminate i bagagli inutili, dite addio a ciò che non ha senso. Guardatevi allo specchio e incontrate una nuova persona.

Sentitevi vivi, sentite gli altri, sentitevi sempre pronti a ricominciare…