La tristezza è qualcosa che abbiamo bisogno di affrontare nella vita.

Oroscopo del giorno

Scarica gratis la nostra app, ogni giorno novità sul tuo segno zodiacale, senza pubblicità invasiva.

© Audrie Storme

Se sei stata etichettata come “quella triste” , dagli amici, la famiglia, o anche da te stessa, lasciami dire che ti capisco. Mi sono sentita come ti senti tu adesso migliaia di volte, ma ho ideato un metodo con cui oggi ti posso aiutare, e ti posso assicurare che alla fine ti sentirai più libera.

Ricordati questo: non c’è niente di male nell’essere “quella triste”. La tristezza è un’emozione che tutti sperimentiamo, anche se potresti averla provata ad un livello superiore. La tristezza è qualcosa che abbiamo bisogno di affrontare nella vita, e va bene essere tristi.

La tristezza non è automaticamente una cosa brutta. “Quella triste” molto spesso è quella analitica, più creativa e più introspettiva. Ricordo che i periodi più creativi per la mia scrittura sono stati quando mi trovavo all’apice della mia depressione. La tristezza è anche utile per migliorare i nostri ricordi . Non sono sicura che tutto questo ti aiuti quando ti senti triste, ma è la verità.

Ci sono un sacco di ragioni per cui ti potresti sentire triste. Pensa a queste ragioni e riflettici. Poi chiediti: vale davvero il mio tempo? Vale le mie energie? Se si, cosa posso fare per risolvere il problema? Comincia con piccoli step, uno alla volta. Chi va piano va lontano, dicono.

Sei un’anima complessa. Sei multidimensionale e stratificata. C’è molto di più in te, non solo tristezza. Ricordati tutte le cose belle che hai. Fai una lista. Scrivi gli aggettivi positivi, gli hobbies, gli amici, i programmi televisivi che ti piacciono, etc. Tutte le cose che fanno di te, te stessa. Ricorda a te stessa che a fine giornata tu sei una persona. Una persona è più di una sola emozione, come ho detto prima, sei stratificata.

La tristezza e la depressione sono due cose differenti, questo te lo devi ricordare.

Se non aiuti te stessa le cose non possono che peggiorare. Potresti trovare un modo per farla finita. Se pensi di aver superato la linea della tristezza e credi di essere dalla parte della depressione chiedi aiuto. Non c’è niente di male nel chiedere aiuto, assolutamente niente. Hai il diritto di essere felice e sana. Se stai male fatti curare. Non screditare il tuo cervello solo perché è sotto tono.

È importante dire e chiarire che la felicità non sempre è una scelta. Non sempre è un’opzione per qualcuno che sta lottando. L’opzione che è una scelta è la terapia. La terapia è un modo inconfutabile per raggiungere il benessere. Potrebbe richiedere un po’ di tempo, ma la felicità è li fuori che ti aspetta.

La strada è un viaggio lungo e tortuoso. cadrai più e più volte. Tuttavia, alla fine ti alzerai più forte di prima. Apprenderai la conoscenza che nessuno ha. Diventerai più saggia e coraggiosa. “Quella triste” non è “quella cattiva” ma piuttosto “quella coraggiosa” e “quella inarrestabile”.

So che c’è la speranza di un domani migliore perché l’ho vissuto in prima persona. Ho visto il sole quando tutto ciò che avevo conosciuto erano solo nuvole e pioggia. Sono riuscita a vedere il mare. Credi nella speranza, credi nella terapia, ma soprattutto credi in te stessa. “Quella triste”, mia cara, è quella bellissima.