L’amore è facile, è amare che è difficile.

© Larm Rmah

Ho passato quattro ore a parlare con le mie due migliori amiche sull’amore. Tutte noi siamo in momenti della nostra vita abbastanza simili: abbiamo finito il college, siamo single, e in un certo senso viviamo da sole, abbiamo il cuore semi-spezzato, siamo semi-innamorate, e sentiamo l’impulso di girovagare.

La conversazione è avvenuta di sabato mattina in un bar all’aperto a Wrigleyville, ognuno di noi aveva diversi gradi di postumi di una sbornia, tutte a raccogliere gli avanzi di cibo lasciati nei nostri piatti.

Non sono proprio sicura di come sia iniziata la conversazione, ma la mia migliore amica ha iniziato a spiegare questa “connessione dell’anima” che lei e il suo ex avevano. Non so che diavolo sia una connessione dell’anima, ma suonava bene, come qualcosa che non vorresti perdere. “È come se i tuoi cuori si conoscessero a vicenda,” ha spiegato.

Ero lì seduta, e non riuscivo a capire come potesse sapere o sentire tutto questo, ma non cercare attivamente questa persona. Infatti poi, è stata lei a chiudere la relazione. Ha detto che il problema tra lei e il suo ex era la comunicazione. Passavano giorni senza parlare e lui giustificava il fatto dicendo: “Beh, sai che ti amo. Non abbiamo bisogno di parlare tutti i giorni.”

Questo è il genere di cose che mi fa arrabbiare tantissimo. Ho già sentito una frase del genere (anche troppe volte). Io voglio sapere non solo le grandi cose che accadono nella vita del mio partner, ma anche le piccole cose – cosa hai mangiato per cena? con chi sei andato al cinema? succede qualcosa di diverso sul lavoro? E non penso che ci sia qualcosa di sbagliato in questo. Quindi, ascoltandola spiegare la giustificazione del suo ex, ho capito perché era così frustrata. C’è quella parte di te che vuole solo sapere, che pensa che se qualcuno ti ama vorrebbe parlare, anche se si tratta solo di piccole cose.

Mi ha spiegato che anche se provava un tale amore per il suo ex, il tipo di amore che non aveva mai provato prima, sapeva di non poter stare con lui. Per lei, il problema di comunicazione era troppo grave per non essere calcolato. Sapeva che loro due non dovevano stare insieme perché non poteva scendere a compromessi per qualcosa a cui si dava così tanto peso.

La conversazione mi ha fatto pensare. L’amore è una cosa potente. Ed è anche difficile. Diamo il nostro cuore ad un’altra persona, ma ci aspettiamo la stessa cosa in cambio. Il problema è che le persone amano in modo diverso. E la parte difficile è cercare di capire come le persone amano, e amarle di nuovo, ma anche rendersi conto quando le persone non ti amano come dovresti essere amato, questo è importante.

Sono cresciuta credendo che l’amore non sia egoista. Infatti, l’altra mia amica è intervenuta dicendo: “l’amore è altruista”. Ma non sono sicura di essere d’accordo. Un amore altruista significa mettere i bisogni di qualcun altro prima dei tuoi. Significa trasferirsi per tutto il paese per stare con il tuo partner, anche se sei già sistemata in un posto che consideri casa. Significa mettere da parte le tue esigenze di comunicazione e dare al tuo partner il beneficio del dubbio. E non so se sono d’accordo.

Ascoltare la mia amica mi ha fatto capire quanto è stata dura la loro rottura, ma lei non poteva non ascoltare quello che le diceva il suo cuore, mi ha lasciato con sentimenti contrastanti. Ammiravo la sua forza, che era in grado di allontanarsi da quello che voleva perché sapeva che c’era qualcosa di meglio là fuori per lei. Ma ero anche addolorata, perché sapevo che si sarebbe svegliata ogni giorno senza la persona che amava, sapendo che era solo a un minuto di distanza, ma non poteva parlargli.

Non sono sicura che l’amore sia altruista. Il primo passo per amare qualcuno è amare se stessi. E amare te stesso è una cosa egoista. Amare te stesso significa sapere cosa ti meriti e non aver paura di reclamarlo. Amare te stesso significa rimanere piantato dove sei e perseguire il lavoro che desideri. Amare te stesso significa non accettare la comunicazione a mani nude. Significa non stabilirsi. Ma se tutti si amano, nessuno potrebbe mai amare qualcun altro completamente perché non ci sarebbe mai un compromesso.

Come puoi amare davvero un’altra persona se vuoi prima amare te stesso, onorare i tuoi bisogni e desideri? Ma al contrario, se cerchi sempre di onorare i bisogni e desideri del tuo partner, non inseguirai mai i tuoi. Sì altruista, ma infelice.

A questo punto della conversazione, mi appoggiai allo schienale della sedia e ispezionai il caffè e tutto il resto intorno a noi. Dall’altra parte della strada c’era un parco giochi. C’erano bambini che urlavano, un rumore di fondo che non avevo notato prima. Alla nostra sinistra c’era una madre, una nonna e un bambino. Il bambino era bianco pallido con venature blu sulla sua testa e bellissimi occhi azzurri. Essere madre è amore un altruista, mettere costantemente i bisogni di qualcun altro prima dei tuoi. Ma un bambino è dipendente. Questo lo rende diverso in qualche modo.

“L’amore è difficile”, ho detto. La mia amica stava mettendo la metà rimanente del suo sandwich in una scatola da asporto.

“No” mi ha detto, ha smesso di pasticciare con il suo cibo e mi ha guardato “l’amore è facile”.

Ho distolto lo sguardo, poi ho guardato indietro verso i bambini. Stavano urlando e arrampicandosi attraverso le barre delle scimmie. Non avevano il cuore spezzato o preoccupato. Erano contenti di esistere. Giocando col gesso e aspettando il prossimo pasto. Erano semplici. Ed erano intrinsecamente e innocentemente egoisti.

“L’atto d’amore è facile”, dissi, pensando a quanto fosse semplice vedere una persona, sentirsi forte per lui, voler essere al suo fianco, voler dare tutto a lui. “È amare che è difficile.”

Siamo rimaste sedute in quel bar per qualche altro minuto. Ho pensato a quell’idea, l’idea che l’amore viene naturale, ma amare, imparare ad amare, imparare a trovare l’equilibrio tra il dare e l’avere, una combinazione di egoismo e altruismo, è difficile.

Forse l’amore significa essere egoisti quando si tratta di trovare la persona giusta, perché è necessario trovare qualcuno che sia giusto per te. Forse no. Forse saprai che sei con la persona giusta perché non dovrai essere egoista. Sarai così altruista che in qualche modo finirai nel mezzo, facendo sacrifici per entrambi, sacrifici volontari e felici, che finirete entrambi con quello che volete.

Avrai voglia di attraversare il paese per lui, ma non te lo permetteranno. In qualche modo troverai una via di mezzo e nessuno si accontenterà. Forse l’amore è difficile con la persona sbagliata. È facile amarlo, voler stare con lui, desiderare ardentemente quella connessione spirituale.

Chissà? Davvero non lo sappiamo. Tutto quello che ho capito stando seduta in questo bar di sabato mattina, è che l’amore deve avere un mezzo felice. Devi essere egoista per ciò che vuoi, ma soprattutto per ciò che meriti. Ma devi amare e non smettere mai di amare. Devi solo andare avanti, aprendo il tuo cuore ancora e ancora, sperando che tutto funzioni, senza mai arrenderti, credendo in questa parte ridicolmente difficile, ma stupenda di ciò che significa essere umano

Oroscopo del giorno

Scarica gratis la nostra app, ogni giorno novità sul tuo segno zodiacale, senza pubblicità invasiva.