L’ansia mi obbliga a chiedere scusa per qualsiasi cosa.

🔮 Scarica la nostra App 🔮

Ogni giorno l'oroscopo personalizzato per il tuo segno zodiacale, tanti articoli e curiosità. Disponibile sia per Iphone che per Android.

© Vince perraud
© Vince perraud

“Ti devo delle scuse …” e mi ha chiesto perché ridessi mentre le mie dita iniziarono a scrivere, ho cercato di spiegare tutto ciò che mi passasse per la testa nelle ultime 48 ore, mi sono reso conto di quanto fossi ridicolo. Ma la verità è che potrebbe essere stato ridicolo ma erano ancora cose che mi preoccupavano. Erano pensieri che mi tenevano sveglio.

E mentre cercavo di spiegare tutto logicamente, sono arrivato a questa conclusione, nulla dell’ansia è logico. L’ansia pianta questi semi di dubbio nella mia testa facendomi mettere in discussione tutto. Mi fa dubitare delle persone buone perché l’ansia mi dice che non lo sono. L’ansia mi dice “dovresti chiederti se mentono?” L’ansia mi dice “hai fatto qualcosa di sbagliato”. L’ansia è ciò che mi fa mettere in dubbio il mio valore personale, non le persone. L’ansia compone questi scenari nella mia testa e non ho altra scelta che seguire il percorso distruttivo che mi porterà giù. La prossima cosa che so con certezza, è che mi sto scusando per qualcosa che non è passata nella mente di nessuno, ma le mie capacità troppo analitiche pensano che ci sia qualcosa.

L’ansia crea soluzioni a cose che non sono nemmeno problemi se non nella mia testa. L’ansia mi fa sentire come se dovessi scusarmi per tutto. Scusarmi per aver pensato troppo. Scusarmi per aver parlato troppo. Scusarmi per i troppi messaggi. Scusarmi per il fatto che non mi sono mai scusata. L’ansia mi fa sentire in colpa per essere me stesso perché mi chiedo costantemente se le persone fraintendano qualcosa che ho detto o fatto nel modo sbagliato. È abbastanza difficile accettare chi sei quando il mondo rifiuta tutto di te.

Tutti hanno combattuto. Ma è più difficile quando sei contro te stesso, in una battaglia nella tua testa. Cerco di controllare qualcosa che mi ha controllato tutto il tempo ogni persona di cui dubito quando non dovrei. Sta rovinando le cose prima che inizino, perché nella mia mente ho già detto o fatto qualcosa per farlo finire. Alla fine dirò e farò qualcosa. L’ansia mi fa riflettere e mettere in discussione tutto ciò che vedo. L’ansia mi invoglia a nascondere chi sono perché a volte mi odio davvero. Odio fissare il telefono chiedendomi perché qualcuno non mi abbia risposto e odio rileggere ogni parola di ciò che ho scritto chiedendomi a cosa stiano pensando. Odio chiedermi se ho fatto qualcosa in passato perché l’ansia non mi fa dimenticare gli errori.

L’ansia mi dice che non piaccio a nessuno e ci sono 50 ragioni per spiegarlo. L’ansia mi invoglia a scusarmi per tutte queste cose. E quando mi incontrerai per la prima volta, non noterai che questo è quello che mi piace. Lo nasconderò con un morso delle unghie e mi scuserò in pubblico. Lo nasconderò ascoltando anzichè parlando. Lo nasconderò dietro a mille cose. Nascondo il fatto che mi ci sono voluti 30 minuti per prendere una decisione mettendo a confronto ogni pro e contro. Nascondo il fatto che mi ci vogliono due ore per prepararmi, perché nella mia testa tutto mi sembra terribile e l’ansia me lo dice. Nascondo il fatto che ho piccoli attacchi di panico se sono in ritardo o se ho dormito troppo.

E come mai può cambiare un giorno che non è ancora iniziato. Nasconderò il fatto che sono esausto perché non ho dormito la scorsa notte pensando a qualcosa che potrebbe non accadere mai. E quando mi conoscerai, inizierai a vedere che l’ansia ha un ruolo importante nella mia vita. E quando realizzerai la verità, realizzerai ciò con cui ho dovuto convivere per gran parte della mia vita. Mi scuserò per essere questo tipo di persona. Mi scuserò se è qualcosa con cui non potrai occuparti perché ci sono volte in cui non riesco a gestirla da solo.

Ma allo stesso tempo, non posso cambiarlo. Allo stesso tempo, so che vivrò sempre con questa cosa che detta molto della mia vita. Quindi chiederò sempre scusa. Mi dispiacerà per le cose che farò o non farò. Ma attraverso la tua accettazione e comprensione di qualcosa per cui sto lottando per capire me stesso, arriva un amore per te e tutto ciò che sei. Solo di recente ho iniziato a capire che non devi amare tutto di te prima che lo faccia qualcun altro. A volte ci vuole qualcuno che adori quei frammenti di te che rifiuti, a volte basta sentire qualcuno dire che va bene essere così. È solo allora che inizi ad accettarti per ciò che sei, ma più di quanto ti rendi conto, non devi essere dispiaciuto.