Le persone bugiarde e imbroglione le smascheri in questo modo.

© God & Man

Scoprire se stai frequentando una persona falsa e bugiarda non è tanto difficile, ci sono degli accorgimenti che puoi fare analizzando il tuo percorso con questa persona. Qui sotto ti elenchiamo 13 punti che accomunano la maggior parte delle persone poco leali nei nostri confronti. Che si tratti di fidanzati, amici o conoscenti, i modi di fare delle persone false sono gli stessi.

1. Scatenano una piccola reazione istintiva, e ciò ti fa capire che non puoi più fidarti di loro. È lì, puoi sentirlo nel tuo corpo, anche se è debole, quella sensazione che ti strattona in modo fastidioso, e spera che tu la ascolti. Spera che tu riconosca che quelle farfalle nello stomaco siano in realtà avvertimenti.

2. Scopri le loro piccole bugie o li sorprendi in momenti di disonestà. All’inizio si tratta solo di piccolezze, quindi, di conseguenza, provi a giustificarli o a non pensarci troppo. Ma non passa molto tempo prima che le bugie e le incoerenze comincino ad accumularsi. Improvvisamente ti accorgi che magari non si trovavano dove ti avevano detto che fossero. Non erano con chi credevi che fossero. Improvvisamente cominciano a non risponderti per ore e poi per giorni. Non stavano facendo quello che ti avevano detto di fare. E quando gli chiedi delle spiegazioni, sono così veloci ad inventare una scusa che è difficile credere che stiano mentendo. Le scuse arrivano rapidamente e senza intoppi come le bugie stesse, e non capisci cosa ti stia succedendo, forse sei semplicemente confusa. Quella confusione lavora a loro favore. Ti dimentichi che le incongruenze sono dei segni che ti stai confrontando con qualcuno che non riesce a stare al passo con le proprie bugie.

3. Quando non fanno quello che dicono di volere. Ti dicono che verranno alla festa di cui hai tanto parlato. Ti dicono che ci saranno sempre per te, ogni volta che vuoi, ma quando arriva il momento, hanno la scusa pronta per non esserci. Ti dicono che vogliono andare ad un concerto, fuori città o a provare un nuovo locale insieme a te, ma l’invito non arriva mai. Dicono che vogliono cucinare per te, massaggiarti i piedi, viziarti per una sera, ma quella sera stranamente non arriva mai. Dicono di non preoccuparti di aggiustare la serratura rotta della tua porta. Lo faranno loro per te, ma poi le settimane passano e tu ti rendi conto che tutto quell’esibizionismo, tutta quella “cavalleria”, erano solo promesse vuote.

4. Quando tutte quelle cose che non ti dicono formano montagne di silenzio. Ogni argomento sembra come un pretesto per una discussione. Hai paura di parlare perché non sei sicura di ciò a cui potrebbero aggrapparsi. Tu non vuoi apparire come una persona appiccicosa, incomprensibile o bisognosa, quindi, ti siedi e aspetti in silenzio. In qualche modo però, quel silenzio è assordante e soffocante. È così forte che risuona nella tua testa e tutte le cose che vorresti dire echeggiano attraverso le camere del tuo cervello. E allora pensi: perché sei sparito per tre giorni? Come hai potuto rispondermi dopo 12 ore quando ti ho chiesto informazioni per la serata che avevamo già organizzato? Come hai potuto dimenticarti che avevamo degli impegni? Perché non mi hai almeno fatto sapere nulla? Inizi così ad arrabbiarti, ma dici a te stessa di rilassarti.

5. Quando non ti ascoltano o non sembrano interessati a quello che dici. Si dimenticano spesso delle cose che gli dici che siano importanti o meno, semplicemente perché non ti ascoltano. Quando parli, pensano a quello che vorrebbero dire loro. Quando gli racconti le tue giornate, aneddoti di quando eri più piccola o i tuoi piani per il futuro, loro non ti fanno domande. Annuiscono, sorridono, e cambiano argomento per parlare di qualcosa che non riguardi te.

6. Quando respingono i tuoi sentimenti. Gli dici che ti senti sconnessa. Gli dici che non riesci a fidarti. Che ti senti ansiosa, non ascoltata, frustrata ed esausta. Loro ti dicono che sei esagerata e irragionevole. Ti dicono che è da sciocchi sentirsi così, e che piuttosto dovresti essere più grata. Ti dicono che analizzi troppo la situazione, e che tutto ciò non ha senso. Ti dicono “ Mi dispiace che ti senta così” e poi si spengono.

7. Quando ti provocano e poi recitano il ruolo della vittima. Quando li scopri, scopri tutte le loro bugie, le loro scuse, loro negano tutto. Allora tu mostri loro le prove, e poi ancora qualche altra prova, e successivamente loro riconoscono che forse c’è un po’ di verità nelle tue accuse. Però, non appena tu pensi di aver avuto ragione, loro ribaltano la situazione facendoti sentire sbagliata, e tu neanche ti rendi conto cosa sia successo. E quindi ti dicono: io non lo avrei fatto se tu non fossi stata cosi inaffidabile. Ho reagito così solo perché tu eri strana. Insomma girano la frittata.

8. Quando non ti danno modo di fidarti di loro. Non condividono i loro segreti con te nel modo in cui tu ti confido con loro. Sostituiscono alla verità bugie innocenti che lo fanno apparire come una persona migliore. Ti dicono quello che vuoi sentirti dire e visto che sono così bravi a questo gioco, ci caschi, nonostante tutte le prove contrarie.

9. Quando qualcosa sembra non quadrare. Qualcosa non va, anche se ti aggrappi all’idea che forse stanno dicendo la verità. Ma le loro parole non corrispondono alle loro azioni. Dicono di amarti, ma non ci sono mai quando ne hai bisogno. Dicono che si preoccupano per te, ma mettono costantemente i loro bisogni prima dei tuoi. Dicono che ti apprezzano, ma più e più volte approfittano della tua gentilezza. E tu lasci che lo facciano a causa del tuo doloroso bisogno di essere amata e della tua tendenza a metterti per ultima.

10. Quando ignorano i tuoi limiti e fanno quello che vogliono. Tu fai delle eccezioni. Loro se ne approfittano fino a che tu non crolli. Dopo esserti “spezzata”, ti chiedi perché non sei stata abbastanza forte da opporti e e credere nel limiti che ti eri imposta. Ti senti debole, e ti chiedi perché ti preoccupi di mettere dei limiti in primo luogo.

11. Quando ti senti insicura. Ti chiedi perché non riesci ad essere felice. Pensi a cosa possa esserci di sbagliato nella vostra relazione. Allo stesso tempo pensi e ti chiedi perché sia così difficile per loro amarti. Ti senti confusa, perché pensi di amarli, ma ti chiedi se l’amore dovrebbe sentirsi così. E se questo è ciò che l’amore è, lo vuoi davvero?

12. Quando non notano che sei infelice. Non riescono a capire che il tuo umore sia triste. Stai lì a letto accanto a loro e pensi, questa non sono io. Questa non è casa mia. Questo non va bene. Cerchi in qualche modo di calmare l’ansia che si insinua mentre combatti ciò che sai che devi fare. E loro non lo vedono. Ti dicono di rilassarti, di chiedere aiuto ad altre persone.

13. Quando non reagiscono quando te ne vai. Quando non li vedi combattere per te. Nel modo in cui incolpano te. Nel modo in cui non accettano alcuna responsabilità. E allora tu decidi di mostrarti decisa, far capire che hai preso la decisione giusta e decidi che è ora di andare via, lontana da persone come loro.