Nel 2020, quando fallisci, rimboccati le maniche e riprova.

© Just name
© Just name

Nel 2020, smetti di assumere il peggio di te stesso. Smetti di supporre che potresti anche accontentarti. Smettere di assumere un fallimento significa che è la fine del tuo viaggio quando sei solo all’inizio. Nel 2020, non accettare il fallimento come opzione. Quando ti si spezza il cuore, torna in pista con degli appuntamenti e trova qualcuno a cui non fa male amare. Quando vieni rifiutato dal lavoro dei tuoi sogni, torna online e compila un nuovo set di domande. Quando fai del tuo meglio e non è ancora abbastanza, non usarlo come una scusa per rinunciare alla speranza su te stesso.

Non comportarti come se fossi destinato a vivere una vita normale. Non comportarti come questo è il tuo suggerimento per smettere. Quando fallisci, invece di trasformarti in un cinico, invece di comportarti come se il mondo fosse contro di te, invece di arrabbiarti con te stesso e tutti quelli intorno a te, rimboccati le maniche e riprova. Invece di piangere nel tuo letto, invece di pensare troppo a ogni piccola cosa sbagliata che hai fatto, invece di pensare a come non ce la farai mai e non meriti la felicità, rimboccati le maniche e riprova. Invece di cadere in una crisi, invece di allontanare tutti coloro che cercano di farti sentire meglio con te stesso, invece di autodistruggerti perché non sei sicuro di come elaborare le tue emozioni, rimboccati le maniche e riprova.

Invece di confrontarti con tutti quelli che vedi sui social media, invece di sentirti come se stessi seguendo i tuoi amici del liceo, invece di dirti che non è possibile raggiungere i tuoi coetanei, rimboccati le maniche e riprova. Anche se il 2020 è l’anno più bello della tua vita, continuerai a sperimentare fallimenti. Affronterai ancora brutte giornate. Stai ancora attraversando momenti in cui non sei sicuro di avere ciò che serve per farlo. Ma devi superare quelle domande, quelle insicurezze, quei dubbi. Devi rimboccarti le maniche e riprovare, anche quando è difficile, anche quando fa male.

Nel 2020, non osare rinunciare a te stesso. Non osare accettare un fallimento come la fine. Non osare continuare la tua cattiva abitudine di pensare il peggio di te stesso. Avrai successo, ma prima devi credere che sia la verità. Devi darti un po’ di credito per un cambiamento. Il 2020 non è l’anno del perfezionismo. È l’anno della persistenza. È l’anno in cui continui, anche quando hai voglia di rinunciare a te stesso. È l’anno in cui ti mostri quanto sei in grado di raggiungere, anche quando la tua speranza è svanita. È l’anno in cui mostri al mondo che sei fatto di acciaio.