Non troverò l’amore nemmeno a pagarlo sui siti di incontri. In fronte c’ho scritto “zitella a vita”.

Oroscopo del giorno

Scarica gratis la nostra app, ogni giorno novità sul tuo segno zodiacale, senza pubblicità invasiva.

© Bridget jones

Le App di appuntamenti dovrebbero essere una salvezza per persone come me, ovvero “ragazze da casa” che raramente escono e che fanno fatica ad incontrare gente. Non succederà mai che vada in discoteca e che incontri qualcuno mentre sto ballando. Non ordinerò mai un drink per uno sconosciuto seduto dall’altra parte del bar. Le App di appuntamenti mi danno l’opportunità di interagire con persone che suscitano il mio interesse, il che, dovrebbe rendere il “frequentarsi” più facile

Tranne per il fatto che non cambia molto. Proprio no. Okay, potrei trovare carino qualcuno che trova carina me, potrei iniziare (o almeno continuare) una conversazione piacevole. Potrei persino trovare il coraggio di scambiare il numero di telefono con qualcuno di interessante così da poter parlare senza il bisogno dell’app.

Tuttavia, rimango sempre una “ragazza da casa”. Divento comunque nervosa in mezzo alla gente. Non importa quanto a mio agio mi possa sentire a parlare per telefono. Perché molto probabilmente troverò una scusa per evitare di incontrarmi di persona con un ipotetico lui.

Quando uso le app di appuntamenti, la “relazione” normalmente non supera la fase del “messaggio”. Divento troppo nervosa sul cosa potrebbe succedere al nostro primo appuntamento ufficiale. Ci penso troppo. E salto direttamente al peggior caso possibile e immaginabile. Ho la sensazione che non avremo niente di cui parlare nel momento in cui saremo faccia a faccia. Sono certa che mi troveranno poco attraente di persona. Ho paura che vogliano andare troppo in fretta.

Mi preparo psicologicamente considerando ogni angolo, ogni potenziale scenario e finisco per perdere l’opportunità di conoscere qualcuno che magari sarebbe potuto essere una brava persona.

Le App di appuntamenti dovrebbero rendere il processo di appuntamenti un po’ più semplice. Dovrebbero farmi sentire a mio agio perché non c’è nessun contatto visivo, non c’è nessuna fretta di rispondere all’istante, non c’è nessuna pressione. Dovrei sentirmi sollevata perché l’altra persona non può vedere la mia faccia arrossire o sentirmi mentre balbetto.

Sfortunatamente, ho l’abilità di crearmi un sacco di problemi dove proprio non ce ne sono. Le App di appuntamenti mi danno il tempo e gli strumenti per analizzare troppo ogni piccola cosa. Ho il tempo di riscrivere una risposta almeno 10 volte prima di capire quale inviare. Ho il tempo di rileggere tutte le conversazioni, cercando di capire se c’è qualche indizio segreto nascosto da qualche parte. Ho il tempo di analizzare tutte le foto, tenendo d’occhio le “bandiere rosse”. Invece di ascoltare la mia pancia, passo troppo tempo a dissezionare la persona dall’altra parte dello schermo, anche se probabilmente mi sbaglio.

Le App di appuntamenti dovrebbero essere più facili, più comode e più convenienti rispetto ad incontrare qualcuno nel modo tradizionale, ma entrambi i modi sono scomodi e imbarazzanti per me. Se sto flirtando con qualcuno al telefono o faccia a faccia per la prima volta, sono comunque la stessa persona. Una persona che fa fatica a relazionarsi. Una persona che ha difficoltà a superare le sue paure e ad aprire il suo cuore.