Ti scrivo perché mi piaci. Senza tanti giri di parole.

© Sara Kurfeß

Ti scrivo questo perché mi piaci. Perché quando penso a te, questo strano sentimento mi assale lo stomaco e mi fa venire voglia di ascoltare della musica pop veramente brutta e di andare a correre (Sai che è una brutta cosa quando vado volentieri a correre). Ti scrivo questo perché a volte penso al tuo corpo contro il mio e a cosa questo vorrebbe dire e quando eccezionale e spaventoso sarebbe. Ti scrivo questo perché mi piaci tu, e mi chiedo se te ne sei reso conto.

Ti scrivo questo perché voglio che sembri che non mi interessi. Non è assurdo quello che facciamo come umani – come dobbiamo fingere distanza e disinteresse come mezzo per esprimere come ci sentiamo reciprocamente? Io penso sia una cosa da pazzi e so che anche tu la pensi così. Penso che io e te potremmo fare una buona conversazione. Il tipo di conversazione che si fa davanti ad un buon caffè che finisce per dilungarsi per ore e che ci costringe a farci cacciare dal proprietario del bar. Sai, questa è la cosa che mi piace di più di te – il modo in cui i tuoi occhi si illuminano per ogni nuova idea e il modo in cui la conversazione non cala mai. Mi piacciono molte cose di te ma ovviamente non te lo dirò perché devo fare finta che non mi interessi. Perché è questo ciò che dobbiamo fare no? Anche se non sembra molto che ti colpisca la cosa.

Non ti manderò il link di questo sito web perché penso che ti potrebbe piacere veramente. Almeno credo, e sarebbe fantastico ma per lo più mi interesserebbe solo la tua risposta. Cosa ne pensi di questa cosa che trovo divertente? Quali pensieri della tua mente vanno d’accordo con i miei e quali invece differiscono? Cos’è che mi piace che tu odi? Quali sono le cose che analizzi a cui io non do importanza? Ti scrivo questo perché voglio sapere cosa pensi, di qualunque cosa si tratti. La tua mente è una libreria infinita che mi piacerebbe leggere attentamente per un po’.

Ti scrivo questo perché ho avuto una brutta giornata. Perché il mio ordine per il pranzo si è incasinato, e non ho detto la cosa giusta in quella riunione, e i miei amici hanno rimandato quella cosa che dovevamo fare stasera. Ti scrivo questo perché quando il tuo nome mi salta in mente, temporaneamente mi dimentico di tutti quei piccoli fastidi che mi affliggono quando non penso di evitarli. Qualcosa di te mi ricorda che ci sono cose più grandi, più belle e più importanti la fuori che tutto il resto perde d’importanza.

Ti scrivo questo perché sono felice di averti incontrato. Perché prima che arrivassi tu le cose andavano bene, ma qualcosa di te ha iniettato colore nel mio mondo e non voglio che svanisca ancora. Perché tu mi hai ricordato che qualcosa di così semplice e umano come l’interazione tra umani può cambiare una brutta giornata in una bella e un pensiero dolce può trasformare una discussione affascinante, e mi fai sentire come se avessi dieci ore di sonno e un caffè anche quando sono esausta fino alle ossa. Ti sto mandando un messaggio perché il ritmo della tua mente si è bloccato dentro il mio e vorrei che rimanesse lì per un po’.

Ti scrivo questo perché voglio vederti di nuovo. Perché la nostra generazione ha ridotto le interazioni in una serie di copioni superficiali che ci scambiamo l’un l’altro con il pilota automatico, ma sono quasi d’accordo con le banalità se finiscono per portarmi da te. Perché il mio telefono è carico e il mio cuore è pieno e sono proprio stanca di tutti quei giochi stancanti e inutili che ci ritroviamo a giocare solo per mascherare la nostra ammirazione reciproca. Ti scrivo perché voglio farlo. Perché voglio che tu stia al mio fianco, con i tuoi pensieri intensi e il tuo respiro pesante.

Ti scrivo questo perché mi piaci. E spero di piacerti anche io.

Oroscopo del giorno

Scarica gratis la nostra app, ogni giorno novità sul tuo segno zodiacale, senza pubblicità invasiva.