Una lettere aperta per le persone estremamente fotogeniche anche nei momenti più assurdi. Con invidia, noi persone indecenti.

© Quote Catalog

Hey, giovane.
Aspetta, aspetta, metti giù l’i-phone per un secondo… ironicamente, tu sei l’unica persona che non ha veramente bisogno di instagram, eppure sono abbastanza sicura che tu sia quella persona che lo tiene a galla, beh, tu e le persone che non smettono di fare foto al cibo, ma sto divagando.

Comunque, mi serve la tua attenzione per pochi minuti, perché ho la sensazione che quelli come voi non abbiano mai pubblicato una foto candida e reale di voi stessi in cui sembriate un facocero pieno di rabbia appena sfuggito dalla sua gabbia. Voglio dire, non fraintendermi, a tutti piacciono le foto belle, e la travolgente ondata di “mi piace” o “reblog” o “retweet” su tutte le foto che postate. I commenti falsi del tipo: “OH MIO DIO SEI COSì BELLA, NON È GIUSTO UGHHHH”, per quanto spensierati possano sembrare, sono in realtà piuttosto seri. Vediamo costantemente le tue foto e nel frattempo ci chiediamo “Perché Dio distribuisce la bellezza fisica in modo così parsimonioso che alcuni di noi ottengono molto più di qualsiasi bisogno umano, e alcuni di noi assomigliano a una ciotola molle di purè di verdure nelle foto?”

Voglio dire, chiaramente sai di venire bene in foto, quindi sii sincera! Non aggiungere la beffa al danno. Se sei la ragazza il cui Tumblr è quasi interamente composto da foto con mille filtri di te che sembri bella e triste in una serie di vestiti che probabilmente non posso permettermi, almeno non etichettarli con tali false didascalie auto-ironiche come “La brutta ragazza che beve il tè” o, “Perché lo sto facendo anche io?”. MA STAI ZITTA! Tu sai di essere bellissima, perché se non lo sapessi, non posteresti tutte queste foto come fai, trascorreresti il tuo tempo su internet come tutti gli altri comuni mortali, scorrendo tra tutti i post sui social media. Dovresti selezionare attentamente le immagini del profilo che ti mettono almeno due punti in più rispetto alla tua scala di “hotness”. Diavolo, potresti anche essere come me, e avere un cartone animato come la tua foto di Twitter #noshame.

E se sei l’aspirante modello maschile le cui foto su Facebook sono solo dimostrazioni impeccabili di bellezza maschile e la perfetta quantità di peli sul petto, non c’è bisogno di scrivere nella didascalia : “Cosa ne pensate di questa?” Perché sai cosa ne pensiamo! Pensiamo che sembri un dannato raggio di sole e amiamo guardarti gli addominali scolpiti come se fossi fatto di marmo. Va bene? Sei felice ora? Sei bellissimo, congratulazioni.

Inoltre, a proposito, perché siete costantemente impegnati in servizi fotografici “casuali”, anche quando non siete interessati a fare i modelli veri e propri? Ci sono solo persone così incredibilmente belle che i fotografi fermano per strada e dicono: “Ti va di andare nel bosco per fare qualche scatto? No ci metteremo tanto, solo per divertirci un po’”. Succede? Per favore, dimmi che non succede.

Sto solo dicendo che è molto difficile navigare sui social media quando si vive nel timore costante che in qualsiasi momento qualcuno faccia una foto ad una festa in cui mentre ridi sembrerà che tu abbia 17 menti, mentre il tuo amoco fotogenico sembrerà essere stato preso alla sprovvista durante un photoshoot di Ralph Lauren. Apprezzo che tu abbia vinto la lotteria genetica e, al di là di questo, abbia il tipo di bellezza che si traduce direttamente in celluloide. Il resto di noi ucciderebbe per quello. Quindi basta esserne orgoglioso, non c’è il bisogno di sventolarlo in faccia agli altri o di dire: “Oh, Dio, che foto terribile!”. Non devi fingere di non essere favoloso quanto in realtà lo sei, perché rendi le foto vere di persone comuni ancora più brutte. Oh, e, se osi mettere come foto del tuo profilo un’immagine di noi due in cui assomigli a Cenerentola mentre io sembro la tua cattiva, ubriaca sorellastra, ti ucciderò. Con amore. Una persona normale.

Oroscopo del giorno

Scarica gratis la nostra app, ogni giorno novità sul tuo segno zodiacale, senza pubblicità invasiva.